Quale pane per quali benefici per la salute?

4 (80%) 24 votes

Contrariamente alla credenza popolare, il pane cosiddetto "francese tradizionale" non ha un valore nutritivo superiore, presenta un indice glicemico e apporti di calorie, proteine, carboidrati, sale, vitamine, minerali… sostanzialmente identico alla baguette bianca. La differenza tra i due è principalmente gusto e qualità.

Baguette tradizionale o baguette bianca?

Infatti, secondo il decreto che ne disciplina la denominazione, il baguette della tradizione non può aver subito alcun trattamento di surgelazione durante la sua preparazione, e non ne contiene, il che obbliga il fornaio ad adottare una farina di migliore qualità e ad impiegare più tempo e cura nell'impasto, nella lievitazione e nella cottura. Il risultato è un pane più alveolare, croccante e più ambrato.

Una baguette tradizionale è migliore per la salute solo se è fatta con lievito madre, non con lievito, spiega Angélique Houlbert, dietista-nutrizionista. Ma non è sempre così, perché entrambi sono ammessi. Quindi chiedi al tuo fornaio cosa usa.

Lievito naturale o lievito?

Lievito naturale, appunto, senza esitazione! "Risultato della fermentazione provocata da batteri naturalmente presenti sulla buccia del chicco di grano, la pasta madre genera acidi organici che, agendo sullo svuotamento gastrico, riducono la pane, continua Angélique Houlbert. Così quella dei pani a lievitazione naturale si aggira intorno ai 65, qualunque sia la farina utilizzata, contro gli oltre 80 di quelli con lievito. Inoltre, la pasta madre ha il vantaggio di digerire l'acido fitico, un composto dei cereali che trattiene i minerali (soprattutto magnesio e magnesio) e quindi ne impedisce l'assimilazione. "

Optando per un pane a lievitazione naturale, beneficiamo quindi non solo di apporti superiori di vitamine e minerali, ma anche di "buoni "carboidrati a lenta cessione" che limitano l'archiviazione e. Ha un sapore più acido, ma ne vale la pena!

Pane bianco o integrale?

il pane di farina integrale e, ancora di più, il pane integrale sono ricchi di fibre, vitamine del gruppo B e minerali (, manganese, magnesio, zinco, selenio, ecc.). Contengono anche vitamina E, un antiossidante e acidi grassi. Il pane bianco ha un apporto di micronutrienti molto basso. Questa differenza sta neles : poco o non raffinato, il T150 e il T110 di cui sono fatti l'intero e l'intero, offrono al consumatore un chicco di grano quasi intatto, con il suo germe e il suo guscio che concentrano appunto vitamine, minerali e.

A patto di sceglierli a lievitazione naturale per ottimizzare l'assimilazione dei nutrienti, optare per questi pani permette diarricchisci la tua dieta con i nutrienti, osserva il nutrizionista. Aumenta anche l'apporto di fibre, utile in caso di transito pigro. Ma attenzione perché questi, per lo più insolubili, possono essere irritanti per la mucosa intestinale e causare dolori addominali e gonfiore! Occorre introdurli gradualmente nella sua dieta, oppure preferirli pani mescolando farine diverse.

Grano, segale o multicereali?

"I pani fatti con diverse farine sono davvero interessanti sotto diversi aspetti", afferma Angélique Houlbert. In primo luogo, consentono di diversificare l'assunzione di micronutrienti: la segale o lfarro, ad esempio, non mostrano lo stesso apporto di vitamine, minerali … come Grano. Quindi, assicurano un buon apporto di fibre, mescolando solubili e insolubili, il che è benefico per il transito risparmiando l'intestino sensibile. "

Infine, quelli a base di farro e farro piccolo contengono solo pane di sola farina di frumento e possono quindi essere digeriti meglio da chi non lo tollera. Consigliato quindi:

  • il pane di campagna che generalmente pennacchi di grano e segale,
  • il pane di segale che contiene 2/3 di segale e 1/3 di frumento
  • e il pane multicereali e boscaiolo che contengono, secondo la ricetta, farro, kamut, segale, orzo, avena… oltre al frumento.

Tuttavia, dobbiamo essere vigili! Alcuni pani sono chiamati pani ai cereali quando sono fatti solo con farina di frumento a cui sono stati aggiunti semi di sesamo o di papavero per decorare. Un vero pane di grano deve contenere più farine: chiedi al tuo fornaio la sua composizione o leggi le etichette dei pani di grande superficie!

Pane con o senza glutine?

Pochi pani sono veramente senza glutine, poiché anche il farro, il kamut o il farro piccolo ne contengono poco.

"In caso di, è difficile trovare pane adatto e, soprattutto, di qualità", osserva Angélique Houlbert. È infatti il ​​glutine che fa lievitare l'impasto. In sua assenza, i produttori sono obbligati a utilizzare un massimo di additivi per ottenere una consistenza simile al pane. Meglio rivolgersi ai panini di grano saraceno che si trovano nei negozi di alimenti naturali, anche se il loro indice glicemico rimane alto. "

Al contrario, i pani fatti con farine diverse dal frumento (farro piccolo, mais, ecc.) possono essere interessanti per le persone che digeriscono male il glutine senza soffrire di celiachia: ne contengono di meno, quindi riducono i disturbi digestivi.

Pane biologico o no?

È preferibile, soprattutto quando si acquista un pane fatto con farina non raffinata o non raffinata, perché i trattamenti si concentrano su e nel guscio esterno del chicco. Quindi, un pane integrale o multicereali non biologico rischia di concentrare molti pesticidi! Molte panetterie, compresi i supermercati, ora offrono pane biologico. È un po' più costoso, ma probabilmente è meglio per te.

Pane e dieta, sono compatibili?

Ricco di carboidrati, il pane va mangiato con parsimonia se si vuole dimagrire: è meglio non superare 1/8 di baguette o 1 fetta di pane di campagna a pasto, in assenza di qualsiasi altro amido.

Per limitare la conservazione e stabilizzare la glicemia, preferiamo il pane a lievitazione naturale, multicereali o di segale. Infine, ci assicuriamo di metterci sopra perché spesso sono la marmellata e la marmellata che fanno esplodere il conto calorico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *